Technogym vola in Borsa, Palazzo Mezzanotte si tinge di giallo

Trans-Edit Group ha gestito la simultanea inglese di un debutto in Borsa che rimarrà nella storia

Il 3 maggio 2016 Borsa Italiana ha dato il benvenuto a Technogym con una cerimonia indimenticabile alla presenza di un ricco parterre di sportivi, esponenti di spicco del mondo finanziario e dello spettacolo, tutti invitati a una sessione introduttiva di fitness mattutino.

Nella formale e autorevole cornice di Palazzo Mezzanotte, tutti i presenti, nessuno escluso, hanno cominciato riscaldandosi con lo streching, hanno continuato con qualche squat e hanno poi proseguito assistendo alla cerimonia comodamente seduti sulla wellness ball Active Sitting, prodotto di punta Technogym, nonché ultima frontiera in fatto di sedute alternative ed ergonomiche per ufficio, mostrata al pubblico un anno fa durante Expo Milano 2015.

La cerimonia è stata inaugurata da Fiorello, presentatore d’eccezione per l’evento, che ha introdotto un video emozionante realizzato all’interno del Technogym Village, il nuovissimo quartier generale di Cesena, per raccontare il carattere familiare di questa azienda romagnola, attiva dal 1983 nel mercato dei prodotti, servizi e soluzioni per il fitness. Caso esemplare di successo internazionale del Made in Italy, che oggi conta circa duemila dipendenti e 14 filiali tra Europa, Stati Uniti, Asia, Medio Oriente, Australia e Sud America, con una quota export del 90% della propria produzione in oltre 100 Paesi.

"Fa effetto passare dal garage di casa alla Borsa”, ha raccontato un emozionato Nerio Alessandri, presidente e fondatore della società. “Così come fa effetto rivedere il primo manifesto di Technogym con mia moglie Stefania che faceva da modella ante litteram, oppure Pierluigi (il fratello, oggi vicepresidente del gruppo), che a 17 anni portava in motorino i prototipi dai carpentieri ".

Una platea di tutto rispetto ha accolto questo atipico debutto finanziario, e l’impegno di Trans-Edit è stato quello di trasmettere, con una simultanea italiano/inglese, la passione vibrante delle parole rivolte dal Presidente Alessandri ai selezionatissimi investitori, imprenditori e proprietari di centri fitness di matrice per lo più statunitense (in America il marchio annovera tra i suoi fan più affezionati addirittura Bill Clinton).

In sala, tra gli altri, i vertici di Mediobanca, il patron di Tod’s Diego Della Valle, il numero uno di Moncler, la presidente di Poste Italiane, numerosi esponenti della finanza italiana e il presidente del CONI Giovanni Malagò, assieme a una delegazione di illustri atleti italiani del calibro di Yuri Chechi, Flavia Pennetta e Massimiliano Rosolino. Non a caso il Gruppo è stato fornitore ufficiale delle ultime cinque edizioni dei giochi olimpici e lo sarà anche per Rio 2016 il prossimo agosto.

Con una capitalizzazione di 650 milioni calcolata sul prezzo di offerta, Technogym ha aperto la seduta a Piazza Affari guadagnando oltre l’11% e ha continuato a salire fino alla sospensione per eccesso di rialzo. A metà mattina, rientrato in negoziazione, il titolo guadagnava oltre l’8 per cento.

"Riteniamo” - ha continuato Alessandri spiegando le ragioni della scelta di quotarsi - “che l'azienda sia di proprietà della collettività e del territorio. Technogym ha sempre lavorato per essere utile agli altri promuovendo il wellness. Siamo una grande azienda ma dobbiamo essere una start-up, una Technogym 4.0. Siamo abituati a pensare in grande e siamo sicuri che questa mossa strategica ci aiuterà”.

Una visione che Trans-Edit ha potuto trasmettere con facilità e trasporto al pubblico straniero in sala proprio in virtù della consonanza con il proprio modello di business, nonostante il diverso settore di attività. Un modello che si alimenta di innovazione e della grinta dirompente di una startup, benchè l’azienda vanti oggi un profilo globale e consolidato e sia orgogliosa di farsi alfiere dell’italianità nel mondo, senza peraltro tradire le sue radici e la vocazione a promuovere cultura e responsabilità sociale sul territorio a favore della collettività.

 

 



All rights Reserved Trans-Edit Group srl