AWARD ITWIIN 2016: Trans-Edit premiata per l’Innovazione Aziendale

Assegnati i premi alle donne inventrici e innovatrici che traducono in realtà le più rivoluzionarie idee imprenditoriali

Il Premio ITWIIN valorizza il talento e la creatività femminile premiando ogni anno le donne italiane ed europee più innovative nel campo della ricerca scientifica e industriale, della tecnologia e della cultura d’impresa.

Giunto all’ottava edizione, questo prestigioso riconoscimento promosso dall’Associazione Italiana Donne Inventrici e Innovatrici (ITWIIN) vuole sostenere e diffondere le idee capaci di trasformarsi in realtà, in progetti imprenditoriali utili a migliorare la vita di tutti i giorni.

Il 22 novembre scorso, nella cornice del Palazzo Congressi del CNR di Bologna, sede dell’associazione, sono stati assegnati i Premi e le Menzioni Speciali 2016. 

Ventitrè le finaliste selezionate quest’anno a concorrere per gli 11 riconoscimenti aggiudicati dalla giuria presieduta dalla presidente ITWIIN Rita Assogna, e composta da autorevoli professionisti del mondo dell’economia, della ricerca, dell’imprenditoria e degli incubatori di idee.

Tra le invenzioni premiate, una nuova generazione di dispositivi elettronici basati su innovativi semiconduttori organici da applicare a substrati non convenzionali - la cosiddetta “wearable electronics” che prelude a visionarie applicazioni in ambito “Internet of Things” –, e l’applicazione industriale di nuovi materiali e architetture per l’elettronica organica come i display AM-OLET (Active-Matrix Organic Light Emitting Transistor).

Al progetto “Trans-Edit: essere una B-Corp e non saperlo. Laboratorio italiano di Womenomics tra innovazione e sostenibilità” presentato da Laura Gori e Adele Nardulli, da tre decenni alla guida dell’azienda, è andata la Menzione Speciale per l’Innovazione Aziendale proprio in virtù di un modello di business unico, pionieristico e rivoluzionario, capace di coniugare innovazione di processi e servizi, da una parte, e sostenibilità in termini di impatto sociale e ambientale, dall’altra.

L’efficacia di questa originale soluzione imprenditoriale prende le mosse dall’innovativa integrazione di tre fattori: un modello di sviluppo e internazionalizzazione agile e snello; le più avanzate tecnologie di traduzione, spesso risultato di ambiziosi progetti di R&S; e, soprattutto, una cultura d’impresa fatta di sostenibilità del lavoro, CSR e welfare in azienda, flessibilità e conciliazione di matrice femminile, atta a promuovere benessere e felicità del personale.

Il premio ITWIIN rende orgogliose le due fondatrici e tutti i membri della famiglia Trans-Edit, una delle più innovative e rare piccole imprese italiane che, con la grinta di una startup ma l’esperienza consolidata di 30 anni di leadership nel settore linguistico a livello globale, nutre l’ambizione di riconfermarsi quale game changer vincente, quale pmi italiana avamposto di futuro, grazie alla sua visione avanguardistica del fare impresa.

Una visione che, declinata al futuro, vede Trans-Edit impegnata a diffondere il suo modello di business coinvolgendo le altre aziende sul territorio; esportare all'estero questa soluzione al femminile di fare impresa sempre più sostenibile e produttiva grazie alla sua vocazione internazionale; e, infine, condividere con la community delle B-Corp/società benefit il sogno di continuare a promuovere il business come propulsore di rinnovamento sociale e bene collettivo.

Nella certezza che aziende migliori fanno persone migliori, e persone migliori fanno un mondo migliore.

 

 



All rights Reserved Trans-Edit Group srl